Haiku - Gino Taborro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Haiku

Questa forma di espressione poetica è arrivata a noi dal Giappone dove veniva usata da monaci religiosi, in tempi molto lontani, sia come insegnamento che come test di apprendimento per giovani aspiranti a tale ruolo.
La sua composizione metrica in sillabe 5-7-5 impone infatti un insieme di conoscenze linguistiche molto approfondite per raggiungere espressioni poetiche in tema di fiori, piante, sensibilità in materia di stagioni, evoluzione della natura.
(Profondi pensieri in un piccolo spazio)
Giunse in Europa verso fine ottocento.
Nella interpretazione attuale di queste espressioni poetiche oggi in Italia, il tema è stato allargato e reso libero, sempre rigorosamente nella formula 5-7-5 ma esprime ugualmente (secondo il mio parere) una rilevante differenza di personalità, fra coloro che si dedicano a questa particolare forma di espressione poetica.

Nuvola rossa
il cielo si colora
di primavera

(Novella Torregiani)

Arare terra
seminare con cura
dopo le piogge.

Piccole foglie
colorano il campo
verde smeraldo.

Proverbio saggio.
Sotto la neve pane
dice mio nonno.

Spighe dorate
maturano in giugno
poi il raccolto.

Sotto la quercia
pranzo nel prato verde.
La mietitura.

Tanti covoni
trebbiare, fare pagliaio,
duro lavoro.

Chicco di grano
farina acqua forno:
oro è il pane.

Giallo di paglia
fare grande cappello
ombra sul viso.

Musica dolce
e parole poetiche
contro tristezza.

Pescare pesci
nel fiume più limpido
contro la noia.

Che tempo farà?
Preparare stivali
contro la pioggia.

A vento forte
perché andare contro:
meglio seguire.

Raccogli un fiore.
Respira il profumo
la serenità.

Dalle radici
e fragile petalo
un fiore sboccia.

Le bianche cime
nascondon desideri
d’animo puro.

O fiume in piena!
Travolgi poi distruggi
il mio passato.

Alla sorgente
di tanti desideri
sempre l’amore.

Grandi sorrisi
colorano tuo viso
innamorato.

Ero appagato
da un solo tuo sorriso.
Sono deluso.

Giorni inutili
come foglie cadenti
il mio futuro.

Bimbo raccoglie
in un campo di grano
i fiori rossi.

Farà regalo
alla mamma e papà
per un sorriso.

Rosso tramonto
precede tristezza per
buio che segue.

Timide viole
fioriscono nei prati
al primo sole.

Corri cavallo
cerca prato più verde
forse lo trovi!

Curva veloce
groviglio di acciaio
vita spezzata.

Fare la guerra
per cercare la pace
somma sbagliata.

Poesia è grembo
di profondo pensiero
luce nel buio.

Ventuno marzo
tempo di primavera
così si spera …

Per vedere Dio
non cercare intorno
guardare dentro.

Vede più verde
il prato del vicino
occhio geloso.

Tempi passati
lasciano alla storia
piccoli squarci.

 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu